Dorta, bepre, buolo ... Pò esse cunsiderati vacanti accidintali di a lingua, o parolle chì puderianu avè un significatu in talianu, ma chì ùn l'anu micca solu perchè, à traversu i seculi, nimu li l'hà assignatu. In fatti, ùn hè micca sicuru chì ùn anu dighjà stu significatu in una lingua diversa da l'italianu (o in un dialettu lucale) o chì ùn l'anu micca acquistatu in u futuru. Per questa ragione sò definite cum'è non parole (in inglese pseudowords)

Un aspettu impurtante, è in certi modi cuntruversu, hè chì e parolle non cumunemente aduprate in i testi di lettura rispettanu a fonotaxis di a lingua taliana. Dittu simplici, ancu s'elli ùn sò micca parolle taliane, puderianu esse perchè rispettanu e sequenze di vucale è di cunsunale eligibile in a nostra lingua. Pigliemu i nostri, per esempiu Non generatore di e parolle è avemu creatu una struttura (es: CV-CVC-CV). Cù ogni cliccà averemu qualchì parolle chì ùn sò micca parolle: zefalfi, lidetre, gupecca. Cum'è a pudete vede, rispettanu tutte e regule di a cumpusizione taliana. In breve, ùn averemu micca parolle cum'è: qalohke o puxaxda.

A ragione per a quale e parolle sò aduprate, in lettura è scrittura, hè chì ci permettenu di investigà u cosiddettu percorsu funulogicu, eccu u meccanisimu chì ci permette di decudificà i "pezzi" di ogni parolla è di cunverteli, pocu à pocu, in grafemi (in casu di scrittura) o in soni (in casu di leghje à voce alta). U modu funulogicu hè un modu particularmente utile in a lettura di parolle strangere o scunnisciute, ma si rivela assai lentu per e parolle chè no cunniscimu (in fatti, leghimu ste parolle "à colpu d'ochju" attivendu u chjamatu via lessicale). Da u paragone trà u percorsu fonulogicu è u percorsu lessicale hè pussibule formulà ipotesi nantu à a presenza o l'assenza di dislessia in un zitellu o in un adultu.


Un'altra ragione valida per aduprà non-parolle hè u fattu chì, postu chì ùn esistenu micca in talianu, sò cunsiderati assai più "neutrali" per a valutazione di zitelli, adolescenti è adulti chì ùn parlanu micca u talianu cum'è L1. In fatti, hè difficiule d'aspittà chì un zitellu menu espostu à l'italianu puderà leghje e parolle cusì prestu chì qualchissia chì li hè statu espostu dapoi anni, mentre si crede chì e non-parolle ponu imbarazzà tramindui ugualmente, cumu si deve esse novu per i dui. Ma serà vera?

In realtà ci sò almenu dui aspetti critichi chì si riferenu precisamente à ciò chì avemu dettu prima:

  • Una non-parolla hè, à tutti i fini, una parolla chì ùn esiste micca è deve esse decodificata in tuttu. Tuttavia, tutte e non-parolle chì avemu scrittu à u principiu di questu articulu (dorta, bepre, buolo) sò estremamente simili à e parolle esistenti in talianu (porta, lepre, bona o tarra); pudemu esse sicuri chì a non-parolla sia decodificata in tuttu? A parolla "tamente" è a parolla "lurisfo" sò letti cù a listessa rapidità o u primu hè influenzatu da a presenza di u suffissu -mente adupratu cù estrema frequenza in talianu? In questu sensu parlemu di "parolla-sumiglia»Di e non parolle: sò parolle inventate, ma certe volte assai - troppu - simili à e parolle chì esistenu veramente. Questu puderebbe benefiziu un lettore nativu talianu di quelli chì sò menu esposti è puderanu attivà in parte u modu lessicale (chì vulemu evità). In quantu à l'adultu, per esempiu, li cunsideru cum'è estremamente più indicativi dys-parolle batterie BDA 16-30.
  • E non parolle aduprate in a valutazione di a lettura rispettanu a fonotassi di u talianu è micca, per esempiu, quella di u norvegese o di u tedescu. Stu fenomenu puderia dà à un lettore talianu un vantaghju nantu à un norvegese o un tedescu, è faria dunque fà cascà a presunta neutralità di e non parolle.

Malgradu queste limitazioni, e non-parolle sò largamente aduprate in a valutazione è u trattamentu di a via fonologica in lettura o scrittura, sia in i zitelli è in l'adulti. In quest'ultima zona, i studii di u prufessore Basso, chì considera u micca e parolle cum'è solu metudu per esse sicuru di travaglià nantu à u percorsu fonologicu. Da l'esperienza persunale, tuttavia, aghju trovu parechje difficultà in a creazione di opere durevuli nantu à e parolle, soprattuttu perchè e persone afasiche anu qualchì volta difficiule à ricunnosce l'esistenza o micca di una parolla, è u travagliu nantu à e parolle inventate hè cunsideratu cum'è fonte di cunfusione è perdita di tempu. Parechji pazienti, in realtà, spingenu à recuperà e parolle veramente esistenti, è digeriscenu male u travagliu nantu à e non-parolle.

In ultimamente, e non parolle fermanu sopratuttu un strumentu fundamentale per avè un'idea di i miccanismi attivi è aduprati in lettura; u paragone cù e parolle in termini di rapidità è precisione furnisce infurmazioni preziose nantu à e strategie aduprate da u sughjettu è vi permette di mette in opera un travagliu di abilitazione o di riabilitazione ben fundatu.

Pudete ancu esse interessatu in:

Accuminciate à scrive è pressa Enter per circà

errore: Cuntinutu hè prutetta !!
Qual hè a correlazione tra DSA è altu potenziale cognitivu?