amparera

Stili d'amparera: duie gattiva nutizie (ma ancu duie bone)

Quelli chì travaglianu in a psiculugia di l’amparera, di l’educazione, di a pedagogia o di l’educazione finiscenu di modu sistematicu per scuntrà a quistione di i «stili d’amparera». I cuncetti di basa chì sò generalmente pruvati à passà sò principalmente dui:

  1. ogni individuu hà u so modu particulare di amparera (per esempiu, visuale, uditivu o cinesteticu);
  2. ogni individuu impara megliu se l'infurmazioni li sò presentate in un modu chì sia congruente cù u so stile di apprendimentu.

Si tratta di cuncetti affascinanti, chì danu senza dubbiu una prospettiva menu rigida di u cuntestu di apprendimentu (chì hè spessu percepitu cum'è "ranciu"); ci permettenu di guardà a scola (è al di là) cum'è un cuntestu potenzialmente dinamicu è cun una educazione persunalizata, guasi fatta à misura.

Ma hè veramente questu cusì?

Quì vene u prima gattiva nutizia.
Aslaksen è Lorås[1] anu realizatu una piccula rivista di a literatura scientifica nantu à u sughjettu, sintetizendu i risultati di e ricerche principali; ciò chì anu osservatu, dati in manu, hè solu questu: insegnà secondu u stile di apprendimentu preferitu di l'individuu (per esempiu, prisentendu infurmazione in un furmatu visuale per "spettatori") ùn porterebbe alcun benefiziu quantificabile annantu à quelli chì studianu in una modalità diversa da a so preferita.

In questu sensu, l'approcciu di parechji prufessori deve esse poi rivedutu, soprattuttu tenendu in considerazione a quantità di travagliu addizionale chì implica a mudificazione di l'insegnamentu seguendu l'indicazioni di ciò chì pare esse un neuro-mitu piuttostu chè un fattu.

Allora chì hè a relazione trà metodi di insegnamentu è credenze in quantu à i stili di apprendimentu?

Quì vene u seconda mala nutizia.
Un'altra rivista di a literatura scientifica nantu à u sughjettu[2] hà rimarcatu chì a chjara magiurità di i prufessori (89,1%) pare esse cunvinta di a buntà di l'educazione basata annantu à i stili d'amparera. Ùn hè più incuraghjente chì sta credenza ùn cambiessi significativamente postu chì continuemu cù anni di travagliu in u campu (ancu se, deve esse dettu, insegnanti è educatori cun u più altu livellu di istruzione parenu esse i menu cunvinti da stu neuro-mitu ).

Chì fà tandu?

Quì vene u prima bona nutizia.
U primu passu puderia esse a diffusione di l'infurmazioni currette durante a furmazione di futuri prufessori è educatori; questu innò, ùn pare micca una perdita di tempu: in fatti, in a stessa rivista di letteratura si trova chì, dopu una furmazione specifica, a percentuale di prufessori hè sempre cunvinta di l'utilità di un approcciu basatu annantu à i stili di apprendimentu (in i campioni esaminatu, passemu da una media iniziale di 78,4% à una di 37,1%).

Beh, alcuni si dumandanu avà cume l'apprendimentu di i studienti pò esse miglioratu postu chì l'approcciu di stile di apprendimentu ùn sembra micca efficace.
Ebbè, eccu allora seconda bona nutizia: tecniche per l'insegnamentu è l'apprendimentu veramente efficaci (dimustrate sperimentalmente) ci sò e li avemu digià dedicatu un articulu. Inoltre, in un futuru vicinu torneremu à u sughjettu cun a un altru articulu sempre dedicatu à e tecniche e più efficace.

PUDETE ESSE INTERESSATU ANCHE DI:

BIBLIOGRAFIA

Dr. Ivano Anemone

Si tratta di neuropsicologia in età di sviluppu, adultu è senile. Collabora attualmente in parechji prughjetti in quantu à l'aspetti cognittivi in ​​alcune malatie neurodegenerative.

Share
Publicatu da
Dr. Ivano Anemone