U gestu hè un attu chì apparisce assai prestu in u zitellu è precede ciò chì serà dopu a cumunicazione verbale. In generale pudemu dividisce i gesti in deitticu (l'attu d'indicazione) e icònicu (pruvà à imità qualcosa).

E teurie classiche nantu à u sviluppu di a cumunicazione dividenu i deictics in dui gruppi:

  • Imperativi (quandu u zitellu punta à dumandà)
  • Dichjarazioni (quandu u zitellu punta à sparte emozioni è sperienze).

Sicondu u psicologu americanu Michael Tomasello (L'urigine di a cumunicazione umana) sta vista hè assai riduttiva. In fattu, in una seria di sperimenti mette in risaltu cumu hè u zitellu ùn limitatevi micca à e richieste da suddisfà, ma aspetta chì l'adultu sparti l'emuzione chì sente versu un ogettu; in più, i gesti ponu spessu riferisce à oggetti assenti è eventi, andendu ben al di là di a richiesta immediata di qualcosa visibile. Questi fenomeni, chì ponu sembrà trascurabili, invece ponu enfatizà u pussessu di cumpetenze estremamente importanti da parte di u zitellu: a ricerca di l'attenzione cumuna, a cuscenza di a cunniscenza è l'aspettative di l'altru, a creazione di un terrenu cumunu.


Per l'autore americanu, dunque, ci sò dei prerequisiti cugnitivi l'usu di u gestu finalizatu chì, in fatti, seria fisicamente pussibule per u zitellu di realizà da i primi mesi di vita, ma chì hè adupratu cuscente da u zitellu intornu à 12 mesi

È i gesti icunichi? Ancu s’elli sò più cumplessi da un puntu di vista cugnitivu è dunque cumpariscenu dopu, tendenu à calà rapidamente intornu à 2 anni di età. A causa principale hè l'emergenza di u linguaghju verbale chì rimpiazza u gestu imitativu: quandu amparemu una parolla, smettimu di fà a pantomima di l'ughjettu à quale si riferisce a parolla; dopu tuttu, aduprà parolle hè assai più faciule è più economicu. À u cuntrariu, u gestu deitticu persiste per un tempu più longu, ancu quandu e prime parolle cumpariscenu. In una prima fase, infatti, integra u linguaghju (u zitellu pò dì una parolla - per esempiu un verbu - assuciandulu à un gestu), è infine ùn smarisce mai cumpletamente. Moltu più spessu di ciò chì pensemu, in fattu, noi adulti indicemu ancu una persona di cuntattu vicina per rinfurzà o integrà ciò chì dicemu verbalmente.

Per aprile: Michael Tommasello, L'urigine di a cumunicazione umana, Milano, Cortina Raffaello, 2009.

Accuminciate à scrive è pressa Enter per circà

errore: Cuntinutu hè prutetta !!
Search